venerdì 7 maggio 2010

Ho smesso di crederci



Senza parole, non posso commentare Kieslowski!

3 commenti:

monteamaro ha detto...

No.
Non ho smesso di crederci.
C'è un Opposto ad ogni fatto, condizione e sentimento.
E c'è un equilibrio dell'Universo che, con... e nonostante l'Uomo, abita ogni atomo di questo mondo.
E diventa sarto, calzolaio e artigiano in ogni disciplina manuale,
e prova a riparare e guarire le troppe ferite che ci segnano.
E solo la nostra resistenza malinconica e prigioniera di sè stessa, fa sì che "Smettiamo di crederci."

Per te:

Morire come le allodole assetate
sul miraggio
O come la quaglia
passato il mare
nei primi cespugli
perchè di volare
non ha più voglia
Ma non vivere di lamento
come un cardellino accecato.

(G.Ungaretti)

Debbo molto a questa breve poesia,
la ritrovo sentendola ancora mia.
La condivido volentieri con te.
Buona domenica, e prova a... ...Crederci nuovamente.
Abbraccio.

lucida follia ha detto...

Monteamaro, io tutti i giorni faccio il mio atto di fede :-)
Comunque la poesia mi piace molto, grazie di avermela dedicata e buona domenica anche a te!

Caterina ha detto...

Sarò semplicistica e grezza, forse non so di cosa stiamo parlando,ma a me,"ho smesso di crederci" sembra troppo comodo, davanti a qualsiasi fallimento e tradimento, non porta a niente, a non legarsi mai più, a non soffrire più, o forse a soffrire per sempre.
Caterina